Rio Day 4 – Frengo e i servizi igienici

brasile water
Esperienze di vita

A me questo posto mi piace perchè hai pochi appigli ai quali aggrapparti. Le devi prendere e le devi portare a casa, le cose.

POTEVATE DIRMELO – Va bene tutto. Ma qualcuno di voi doveva dirmelo che “Frengo” – che si scrive “Frango” – vuol dire “pollo”. Ne ho dovuto fare diretta esperienza e non è stato un momento di forte autocoscienza, son sincera. Piuttosto di smarrimento.
La tipa del bar del centro olimpico mi spiega cosa c’è nei panini. Mi indica quelli con la carta color arancione e mi dice: “Chicken Frengo”.
Io sgrano gli occhi, cazzo. Glielo indico e chiedo “Chicken?”. E lei non demorde: “Yes, chicken frengo”. Io dovrei farmi venire il dubbio che “frengo” significhi pollo. Ma non ci voglio pensare. Mi vengono gli occhi da pesce lesso e la bocca mi si apre piano piano. Tutte le volte che lei dice “frengo” – e lo ripete eh – a sto punto mi vien da ridere. Decido che qualsiasi cosa sia questo frengo, accostato al chicken, lo prendo. La paura che avessero dato il nome al pollo mi è venuta ma me la sono messa in tasca. Sono stanca e ho fame.
Poi, tornata al pc, vado a guardare sul caro e vecchio Google traduttore e “frengo”, sì, vuol dire “pollo”. Non  mi si leva dalla testa e continuo a ridere anche dopo averlo finito. A voi non vi fa ridere? Chicken Frengo, Chicken Frengo, Chicken Frengo.

CAPITOLO SERVIZI IGIENICI – Anche qui. Qualcuno me lo poteva dire che hanno delle usanze, come dire, diverse dalle nostre. Vi lamentate tanto dei francesi che non hanno il bidè, ma parliamo dei servizi igienici brasiliani. Dei cessi, via. Cos’è sta storia del “Favor nao jogar papel no sanitario“? Eh, sentiamo, dai? Cos’è? Io non ci potevo credere: davvero devo usare il pezzetto di carta e poi, anzichè buttarlo per sempre nelle fogne e vederlo sparire negli abissi, lo devo inserire in un cestino, sia nei luoghi pubblici, che a casa? Giuro, è più forte di me. Non ce la faccio. A casa poi: e se mi dimentico di svuotare il cestino? Ogni quanto va svuotato? Ammetto un po’ di sbattimento. Ho paura, diamine, di sta storia del “Favor nao jogar papel no sanitario“. Poi ho guardato in fondo alla questione, ho indagato dentro il water e ho visto quanto è grande lo scarico. Sono molto ottimisti questi brasiliani. Trovassero i miei amici peggiori dopo una cena o dovessi mai andare a giocare con la mia squadra in Brasile per ragioni sconosciute, sarebbero problemi seri. Ma posso bastare anche io, da sola, voglio dire, eh. Vi farò sapere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *