Sunto dei libri letti nel 2016 – Consigli personalissimi

39081342 - many old books in a book shop or library. toned image
39081342 – many old books in a book shop or library. toned image

Mi ero prefissata di leggerne 100 di libri, nel 2016.
Sì, lo so che tutti mi han detto – i più gentili – “Ma sei scema?”.
Ma è stato bello provarci. Nel mezzo ho dato l’esame di stato da giornalista , ho letto bigini su bigini e cose che non possono essere davvero classificate come “libri” e, forse, in questo frangente, ho perso un po’ di tempo (senza forse).

Quest’anno ci riprovo. Anche perché, 100 o non 100, il 2016  ha fatto registrare un personale record di 26 libri letti che mi inorgoglisce e mi rilancia e che mi fa capire che per dare il meglio di sé, spesso, bisogna incaricarsi di sfide impossibili e non essere realisti. Eccoli, quindi, questi 26 libri: con due parole per farvi capire – a distanza di giorni o di mesi – che cosa mi è rimasto di quelle pagine e se li consiglierei o meno.
I consigli, ovvio, sono personalissimi. Da lettrice. Da chi non ha pretese.

Libri letti nel 2016: 26

Dei quali
Romanzi: 12
Monologhi: 1
Saggistica: 4
Biografie: 5
Luogografie: 1
Storie Vere: 2
Professionale: 1

  • Chiamatemi Bomber! – Biografia (di Bobo Vieri) – di Mirko Graziano
    Geniale. Sono di parte ma le storie che Mirko Graziano racconta in queste pagine scritte (scritte molto in grande) sono divertenti e, a tratti, commoventi. Se volete leggere il calcio in maniera diversa, leggetelo.
  • Miracolo in libreria – Romanzo – di Stefano Piedimonte
    La prima parte è molto bella e scritta bene e divertente. La seconda non l’ho capita e non capisco cosa c’entri esattamente con la prima ma sicuramente è un problema mio. Corto e consigliabile per la prima parte.
  • La leggenda del Santo Bevitore – Romanzo – di Joseph Roth
    Non mi ricordo molto bene se mi era piaciuto. Ma a naso forse si. A braccio, una frase mi aveva colpito tantissimo: “L’uomo non si abitua a niente più facilmente che ai miracoli”. E santo cielo, leggetelo solo per questo.
  • Sette brevi lezioni di fisica –  Saggistica – di Carlo Rovelli
    Bello. Se mi chiedete cosa veniva spiegato mi metto a piangere. Magari voi altri avete più fortuna e, soprattutto, un cervello più scientifico. Leggete.
  • Una lezione di ignoranza – Saggistica – di Daniel Pennac
    Ricordo una meraviglia pura come solo Pennac sa fare. E’ tutto dentro di me. Consiglio vivamente.
  • Il potere del cane – Romanzo – di Don Winslow
    Incomparabile. Cattivo. Meraviglioso. E mi chiedete se lo consiglio?
  • Miradar – Romanzo – di Ilaria Mavilla
    Teatrale, triste, empatico ma forse troppo spezzettato. No, non lo consiglierei.
  • Manicomio giardinetti – Saggistica
    Apparentemente divertente, alla fine noioso e ripetitivo. Non lo consiglierei.
  • Il libraio di Selinunte – Romanzo – Autori Vari, Scuola Holden
    Amaro, ricordo di averlo letto in camper per andare a Roma e di non aver vomitato, nonostante soffra di mal d’auto. Per il resto, non mi è rimasto molto. Lo ricordo malinconico.
  • I love shopping a Holliwood – Romanzo – di Sophie Kinsella
    Della saga – che ho letto tutta tranne l’ultimo a Las Vegas che spero sia realmente l’ultimo – è il peggiore. Non fa ridere ed è sempre la solita solfa. Non lo consiglio.
  • I piedi in Italia, il cuore in Africa – Biografia di Samuel Eto’o – di Luigi Pardo
    Non è banale e leggere del calcio africano mi ha fatto venire voglia di seguire questo mondo tra il magico e l’ignorante (nel senso più rispettoso del termine). Se vi piace il pallone dovete leggerlo.
  • La deontologia del giornalista – Professionale – Autori Vari
    L’ho letto per l’esame di stato. Scritto male, senza una lettura comune, spezzettato. Non è un manuale. No.
  • Storia di chi fugge e di chi resta – Romanzo – di Elena Ferrante
    Elena Ferrante mi ha preso il cuore e nessuno lo avrà mai alla stessa maniera. Il terzo volume è incantevole, forse non come il primo e il secondo. Meno del quarto. Ma è sempre un gioiello. Incantevole.
  • Il mare nasconde le stelle – Storia Vera – di Francesca Barra
    Reale, una storia vera, di barconi, di mare in tempesta, di freddo, di lontananza. Obbligatorio leggerlo. A scuola, santo cielo.
  • Oceano Mare – Romanzo – di Alessandro Baricco
    Mi sono assentata da me quando ho letto Oceano Mare quindi vi lascio la mia sensazione positiva di azzurro e ovatta. Non semplice. Se vi piace Baricco e la sua anima violenta e leggera, leggetelo.
  • Ho sposato una vegana – Storia Vera – di Fausto Brizzi
    Fa ridere, fa pensare, sbigottisce perchè…è tutto vero. Leggetelo, vi passa via in poco tempo e non è solo quel che sembra.
  • Fino a diventare uomini – Monologo – di Thomas Brussing
    Non ricordo nulla. Ma ricordo di aver annuito e sorriso da sola. Libro verità per chi ama il calcio. Leggetelo.
  • Storia della bambina perduta – Romanzo – di Elena Ferrante
    L’ultimo della quadrilogia. Geniale, come l’amica della Ferrante, di Elena, di Lila. Quella lì. Il migliore.
  • Il resto della settimana – Romanzo – di Maurizio De Giovanni
    Commovente a tratti, sempliciotto in altri. Mi è piaciuto, lo dovete leggere se amate i bar e quel che nascondono dietro la polvere del bancone e dietro le brioche “posse”.
  • L’erba voglio era nell’orto. Disagiografia di un cantautore – Biografia – di Francesco Magni
    Divertente, dissacrante, vera. Una disagiografia. Tutti ne abbiamo una e il disagio è un tesoro da custodire. Francesco Magni sa raccontare. Leggetelo.
  • Le tartarughe tornano sempre – Romanzo – di Enzo Gian Maria Napolillo
    Niente dai. Parte da presupposti fissi e non sa dove va a finire. Non lo consiglio neanche fosse l’ultimo libro sulla terra. Non basta scrivere benissimo (e questo è scritto benissimo). Se si ha la presunzione di scrivere un romanzo, bisogna anche essere onesti intellettualmente e socialmente. No.
  • La figlia Oscura – Romanzo – di Elena Ferrante
    Di una bellezza rara. Elena Ferrante scrive da Dio anche se non parla di Elena e Lila. In questo libro, racconta una quotidianità come fosse una vita. Sì, lo consiglio.
  • Open – Biografia di Andre Agassi – di Andre Agassi
    Faticoso – odio il tennis – ma assolutamente avvincente. Agassi, da quando ho letto il libro, è un mio amico carissimo.
  • Oceano Padano – Luogografia – di Mirko Volpi
    Figo da morire. Un lombardo dovrebbe leggerlo per contratto. Sa narrare il meglio lasciandolo all’angolo. Dove delle volte il meglio sta e resta. Non lo consiglio. Lo obbligo.
  • Europa, Politica e Passione – Saggistica – di Giorgio Napolitano
    Interessante, punto di vista di Giorgio Napolitano che sa scrivere e spiegare. Non fa mai male leggere Napolitano.
  • Il Grande Miao – Biografia – di Paul Gallico
    Il vostro gatto, dopo aver letto questo libro, non sarà più lo stesso gatto. Lo vedrete con occhi differenti, più che altro perché queste pagine – che pensavate essere state scritte da qualche ghost writer – sono di un autore americano ricercatissimo di inizio secolo scorso. I gatti sono sempre uguali. Siamo noi che cambiamo. Leggetelo, se ne avete uno, di gatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *